Scoperte culinarie, ricette, viaggi e di tutto un po'

Melanzane Perlina ripiena di pesto e ragù di mazzancolle

Melanzane Perlina ripiena di pesto e ragù di mazzancolle

Melanzane perlina, che scoperta!!! E’ il primo anno che mi imbatto in questa varietà e me ne sono innamorata!

Innanzitutto sono di una comodità non indifferente, basta tagliarle a rondelle e buttarle in padella per aver un contorno gustoso e veloce, ho notato che assorbono anche poco olio! In più non serve farle riposare con il sale, perché non possiedono quella nota amara tipica delle classiche melanzane. Per finire sono piccole, cosa da non sottovalutare quando si è in pochi e non si vuole utilizzare una melanzana intera!

Si possono tranquillamente cucinare intere, sia in padella, sia sulla griglia che al forno, bastano una quindicina di minuti neanche, dipende dalla grandezza, e poi si possono condire in tanti modi!

In una pigra giornata estiva ho pensato di creare qualcosa che fosse tutto inerente a questa stagione che, seppur odio, dona dei buonissimi cibi come il basilico, le melanzane, i pinoli e i peperoncini!

Ecco che vi presento allora delle melanzane perlina cotte in forno, ripiene con pesto al mortaio e ragù di mazzancolle aromatizzate con zenzero e peperoncino fresco!

Il pesto ovviamente potete comprarlo già fatto, io ho approfittato dell’abbondanza di basilico presente in giardino e dello storico mortaio di mia nonna!

Iniziamo?

Ingredienti

Per 4 persone

  • 12 melanzane perlina medio piccole
  • 1 spicchio di aglio
  • peperoncino (opzionale)
  • olio evo q.b.
  • pesto (basilico, punta di aglio, pinoli, parmigiano, olio, sale grosso)
  • 10 mazzancolle grandi sgusciate
  • un pezzetto di zenzero fresco o un cucchiaino di zenzero in polvere
  • peperoncino fresco a piacere

Accendiamo il forno ventilato a 180 gradi.

In una placca apposita ricoperta da carta forno, adagiamo le nostre melanzane perlina ben lavate e forate con una forchetta su due punti, aggiungiamo l’aglio schiacciato in camicia e rondelle di peperoncino senza semi, irroriamo con un filo di olio d’oliva e inforniamo per una quindicina di minuti, coperte con un foglio di alluminio per i primi 10 minuti e poi scoperte. Saranno cotte quando la buccia si sarà completamente scurita e la polpa sarà tanto morbida da essere infilzata senza problemi con una forchetta.

Adesso passiamo al pesto, non so darvi le dosi precise, rimedierò presto promesso, ho fatto ad occhio e a gusto personale. Nel mortaio inseriamo prima una bella manciata di foglie di basilico, un pizzico di sale grosso, una punta di aglio e iniziamo a pestare; inseriamo poi i pinoli, il parmigiano e continuiamo a lavorare il tutto fino ad ottenere una crema. Per finire aggiungiamo l’olio evo e mescoliamo con un cucchiaio, possibilmente di ceramica per non ossidare il basilico.

Quando le melanzane saranno cotte, togliamole da forno, incidiamole partendo dal centro fino alla parte più bombata e con una forchetta sgraniamo un po’ la polpa.

Mentre si freddano occupiamoci delle mazzancolle, che cuoceremo in una pentola in cui prima avremo fatto rosolare un po’ di aglio con lo zenzero e il peperoncino. Aggiungiamo un pizzico di sale e una volta cotte (ci vorranno pochi minuti) e tritiamole con un coltello affilato.

Adesso assembliamo: un cucchiaino di pesto dentro ogni melanzane e poi una presa di ragù di gambero. Serviamo con un filo di olio e qualche rondella di peperoncino privato dei semi.

Potete tranquillamente sostituire le mazzancolle cotte con un battuto di gamberi rossi crudi, ma solo se sono stati precedentemente abbattuti, mi raccomando!

Che ne dite? Io l’ho trovato delizioso e tanto tanto divertente da fare!

Fatemi sapere e per qualsiasi cosa contattami qui sui commenti oppure su Instagram!

Alla prossima!

Condividete con i vostri amici su:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Instagram