Stylish comfort cooking and lifestyle

Marzamemi, Pachino e Portopalo di C.P.: ecco dove mangiare

Marzamemi, Pachino e Portopalo di C.P.: ecco dove mangiare

Ecco una lista dei ristoranti, da me testati, in cui mangiare cucina locale e non solo, durante il vostro soggiorno tra Marzamemi, Portopalo di Capo Passero e Pachino!

Dividerò per zone e vi mostrerò qualche scatto del menù. Al termine, vi indicherò anche qualche negozio e qualche alimentari dove fare shopping o passare per un caffè!

Ho trascorso due stupendi mesi tra queste terre siciliane, la mia casa estiva da 34 anni per via delle origini pachinesi di mio padre. Sono stati giorni pieni di vita, di ricordi, di emozioni, di nuove conoscenze, di consolidamento di vecchi rapporti, di scoperte e di tanto amore per tutto quello che la Sicilia mi ha sempre donato, con tanta umile semplicità.

Questa guida ha per me un valore inestimabile, perché sa di esperienze, emozioni e ricordi di un’estate davvero indimenticabile.

DOVE MANGIARE A MARZAMEMI

TRATTORIA LA CIALOMA

Sicuramente il ristorante più famoso del borgo marinaro di Pachino, Marzamemi, situato proprio sulla piazzetta centrale alle spalle dell’antica Tonnara.

I prezzi sono abbastanza sopra la media, ma nonostante il mio scetticismo dovuto al pensiero che fosse troppo turistico, mi sono dovuta ricredere. Personale ottimo, piatti della tradizione con materie prime d’eccellenza e presentate con cura, vini del territorio, tutte cose che mi fanno consigliare questo luogo a chiunque.

Piatti provati: cous cous al pesto con gamberi crudi, involtini di melanzane in agrodolce con tuma e burrata, cannolo scomposto con mosto d’uva fatto in casa.

Per un cena si spendono in media 50/60 euro a persona, ma ricordiamoci che siamo sempre sulla piazza iconica di tutto il territorio, con un menù selezionato e di ottima qualità.

Li vale davvero tutti.

SAMA

Ristorante dedicato alle crudité di mare. Buono se amate i crostacei crudi, le ostriche e questo genere di prodotti ittici.

Sicuramente la materia prima era di inequivocabile freschezza, ammetto però che avrei voluto trovare più cura nella pulizia del pesce presentato (ad esempio i gamberi rossi privati del budello prima di essere serviti o privare le fette di frutta della buccia).

E’ vero che il pesce crudo, se molto fresco, si vende da solo e molte persone non hanno la possibilità di acquistarlo e mangiarlo a casa, ma un minimo di contributo andrebbe messo.

Lo consiglio per la location e per chi non ha occasione di mangiare di frequente queste pietanze, il personale è molto gentile, gli ingredienti sono ottimi, ci vorrebbe solo un po’ più di cura nei dettagli.

I prezzi sono sempre intorno ai 40/50 euro a persona e per ostriche, scampi e gamberi rossi, sono più che onesti.

IL BOCCONE

Cucina siciliana di ottima qualità. Il loro cavallo di battaglia sono gli Spaghetti alla Gattopardo, con pesto di pistacchi e bottarga. Li ho assaggiati e sono effettivamente ottimi.

Io ho optato per dei ravioli di cernia con pesto di pistacchio e pomodorini, golosissimi, così come la tartare di tonno e il crudo di gamberi.

Prezzi onesti, 30 euro a persona circa, vista mare e location tradizionale.

LA LOCANDA DEL PORTO

Se leggete le recensioni sul web vi passa la voglia di andare, perché ad ogni lamentela rispondono con un’acidità inaudita, ai limiti dell’ignoranza. Ok difendere la propria cucina, ma c’è modo e modo.

Molti però mi parlavano di questo sushi ottimo che proponevano con il pescato del giorno, quindi mi sono fatta coraggio sperando di non venire insultata dal proprietario e sono andata.

Ecco, questo è il motivo per cui io non leggo MAI le recensioni su Google, per non farmi condizionare. Evidentemente il famigerato proprietario mi ha presa in simpatia, dimostrandosi cordiale, allegro e simpatico.

Il sushi era in effetti molto buono e il pesce freschissimo. Quello che però ho davvero amato alla follia, a parte il fatto di mangiare con i piedi nella sabbia vista porto, è stato il sashimi di tonno, mai mangiato così buono!

Per due persone, con un mix di sushi misto da 32 pezzi e due sashimi di tonno e salmone, più una bottiglia di vino, abbiamo speso 45 euro a persona, a Roma ne avremmo pagati almeno 60.

Una pecca c’è ed è il menù, perché, lavorando con solo pescato del giorno, molto spesso quello che è presente in carta non è presente in cucina. Sarebbe meglio utilizzare una lavagna con i piatti del giorno o illustrarli direttamente a voce, per non far perdere tempo a scegliere tra cose che tanto non ci sono.

DOVE MANGIARE A PORTOPALO DI CAPO PASSERO

U PALANGARU

Sul corso principale di Portopalo, questo ristorante mi ha incuriosita perché storico e SEMPRE pieno. Ottimo il pesce alla griglia, eccellenti i ravioli di cernia con pesto di pistacchi (un classico di questa zona), una selezione di vini della zona di tutto rispetto e il personale attento e cortese.

Il mix di antipasti è sfizioso e ricco, dalla caponata con tonno, al pesce spada con cipolle in agrodolce, cozze gratinate, parmigiana di melanzane (che buona!!!) e involtini di spada.

Davvero consigliato il gelo al limone.

Location carina e curata, sia il dentro che il fuori.

La media è di 35 euro a persona per un antipasto, un primo, un dolce e una bottiglia di vino.

TRATTORIA LA CAVERNA DEL CICO

Sulla via che porta al bellissimo porto di Portopalo, c’è una villetta adibita a ristorante. Sui muri sono presenti graffiti raffiguranti simboli siciliani, come l’asso di bastoni e la trinacra o il faro che ogni notte illumina con il suo fascio di luce tutto i paese.

Staff giovane, ma cordiale, cucina a base del pescato del giorno. I proprietari infatti posseggono un peschereccio e sono loro stessi a procurarsi gran parte della materia prima.

Con 32 euro a persona, abbiamo mangiato primi di pesce deliziosi, antipasti della casa (sia crudi che un mix di ricette tipiche), 6 ostriche, una bottiglia di vino e un sorbetto.

Io avevo optato per una pasta con canocchie, gamberoni e il pesto di pistacchi (presente praticamente ovunque in questa zona!) ed è stata una delle paste più buone tra quelle mangiate in queste due mesi.

ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATO.

MAMASAN

Il sushi a Portopalo è una novità e non potevo non provarlo! I prezzi sono simili a quelli delle grandi città, il che implica dover mantenere un livello estremamente elevato.

La qualità del pesce non si discute e i roll sono sfiziosi, per i miei gusti però troppe salse, quindi forse conterrei un pochino i costi, anche se bisogna sempre pensare che siamo sulla strada centrale del passeggio in alta stagione, quindi ci potrebbe anche stare.

Ottimo Gin Tonic, arricchito da spezie e con la possibilità di scegliere la qualità di gin e di tonica che si preferisce.

Sono stata con le mie nipotine che hanno potuto optare per degli hamburger con dell’eccellente carne di manzo, in questa zona solitamente molto buona perché gli allevamenti sono “quelli di una volta”. Quindi un menù non solo dedicato agli appassionati di sushi.

Serata piacevole e staff preparato ed educato. Consigliato per un sushi fusion tra Sicilia e Giappone!

Tre hamburger, (di cui due solo con pane e carne), 12 pezzi di sashimi, 24 uramaki di vario genere, due cocktail e un acqua, 120 euro.

CUTELLI GRIGLIERIA

La macelleria è qualche metro più avanti rispetto a questo locale aperto dalla figlia del proprietario, allevatore di mucche e cavalli che ci tiene tanto a divulgare il rispetto per gli animali e della loro vita, seppur breve.

Il menù colpisce per questo, per una serie di foto che mostrano la famiglia all’opera e la passione per un lavoro antico, che non si vuole trasformare in qualcosa di industriale.

Location carina, pochi tavoli e personale accogliente. Tutto è molto semplice, dalle stoviglie di carta per le patatine fritte, all’involucro delle posate, il che conferisce un clima rilassato e informale.

Ma veniamo alla protagonista: la carne. Ho preso una tagliata molto succosa e buona, forse leggermente troppo “fredda” perché chiesta poco cotta, avrei preferito si sentisse il calore della griglia sulla superficie a contrasto con la polpa in cui arriva meno calore.

Nonostante questo, la qualità della materia prima era indiscutibilmente di alto livello, la serata inoltre è stata piacevole e rilassante. Dopo aver pagato ci hanno offerto un vino mandorlato della Cantina Germano che era la fine del mondo!

Prezzi super onesti: 4 bruschettine, un bistecca da 700 g e una tagliata da 400 g, patatine fritte e due birre Messina, 80 euro.

ZIBIBBO

Il ristorante più chic di Portopalo, quello dove per prenotare devi chiamare tre settimane prima! Vista mare, accogliente, elegante senza essere pretenzioso, con un menù tipico, ma raffinato e con qualche rivisitazione internazionale.

L’ultimo ristorante testato in questa mia lunghissima vacanza, ha soddisfatto le mie aspettative.

Buonissima la caponata con tonno scelta da mia madre come antipasto, ma i miei gamberi rossi su gazpacho di datterini sono stati un qualcosa che difficilmente il mio palato potrà dimenticare. Un gazpacho così buono, quasi un brodo freddo e limpido di pomodoro, non lo avevo mai assaggiato.

Poi gli spaghetti ai gamberi rossi, con burro ai crostacei, zest di limone e pistacchio, assolutamente approvati. Il burro aromatizzato con la bisque di gamberi è un qualcosa che proverò a fare molto presto.

Gelo di verdello (limone tipico di questa zona), parfait alle mandorle, un bicchiere di vino.

La spesa media a persona si aggira intorno ai 45 euro.

Per una cena romantica, una coccola vista mare, una serata in cui si sente la necessità di evadere, è il posto perfetto.

DOVE MANGIARE A PACHINO

TASCA

Su via Cavour, questo locale presenta un menù a base principalmente di carne, una sorta di Hard Rock Cafè pachinese: bistecche, hamburger, costine di maiale in salsa bbq, pulled pork, sfizi vari e cocktail.

Una volta all’interno, si prosegue per la sala principale, svuotata durante il periodo estivo perchè il tutto si svolge in un meraviglioso cortile antico, il famoso cortile del Barone Tasca.

Ottima il cube roll di manzo, il margarita e i fritti davvero appetitosi. Carina l’idea della musica dal vivo in una location curata e dal sapore storico.

Prezzi medi, a seconda del taglio di carne scelto. Si può arrivare a spendere 40 euro a persona, ma se si rimane sul semplice, con 25/30 euro si va via comunque felici ed appagati.

I CURTIGGHIARI

Un locale e ristorante che dire essere un amore è dire poco. Curato nei minimi dettagli, con centrini antichi di pizzo (proprio come quelli di mia nonna), oggetti vintage siciliani, un cortile con gazebo di vite naturale, I Curtigghiari è il posto perfetto per allontanarsi dalla mondanità di Marzamemi senza rimpiangere i locali, sì pittoreschi, ma altrettanto confusionari in alta stagione.

Ravioli di cernia, spaghetti pesto di pistacchi e gamberi e i miei FANTASTICI spiedini di pesce con panatura di pistacchi, uno di quei piatti che vorresti non finisse mai, il tutto annaffiato con un vino Catarratto di Tenuta Vendicari!

Staff cordiale e pronto a soddisfare richieste e curiosità, prezzi medio bassi, 27 euro a persona, senza dolce, con un antipasto misto di fritti.

Ci sono venuta anche dopo cena a bere un buonissimo cocktail, quindi per me è un grandissimo SI!!!

INDIRIZZI PER GLI ACQUISTI

PESCE FRESCO: Pescheria Il Delfino, Via Trieste, 25, Pachino;

CERAMICHE DI CALTAGIRONE HANDMADE: Il Carrettino, Via Garibaldi, 2,Pachino;

RICOTTA DI PECORA FRESCA: Casa del Formaggio, Via Durando, 12, Pachino (il martedì e il venerdì la consegnano calda);

VINI SFUSI: Cantina Marino, Via Indipendenza, 167, Pachino – Ramaddini, Contrada Lettiera, Marzamemi;

IDEE REGALO e OGGETTISTICA FATTA A MANO: Luce di Sicilia,  Via Anita, 3, Pachino;

DOLCI TRADIZIONALI E GRANITE: Caffè al Ciclope, Piazza Vittorio Emanuele, Pachino;

COLAZIONE E DOPO CENA: Alle Volte, Piazza Vittorio Emanuele, Pachino;

ARANCINI PERFETTI: Arancineria, sul corso principale di Portopalo – I Pupi Bistrot, Marzamemi.

Visitate queste zone e imparate a conoscerla anche attraverso la cultura gastronomica! Fatemi sapere se avete provato già qualcuno di questi posti e cosa ne pensate!!!

Take care,

The Autumn Lady

Condividete con i vostri amici su:


1 thought on “Marzamemi, Pachino e Portopalo di C.P.: ecco dove mangiare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Instagram